Poor responders

Poor responders

Le pazienti poor responders sono una sfida per il ginecologo e sono casi difficili ma non impossibili.

Di seguito vi diamo un’idea dei protocolli alternativi utilizzati per stimolare questi pazienti.

Nel nostro team utilizziamo la doppia stimolazione in cui stimoliamo le ovaie due volte sia nella prima fase del ciclo che nella seconda. La seconda stimolazione è generalmente più breve. Pertanto il paziente ha un doppio pick-up nello stesso ciclo che ci consente di ottenere il numero massimo di uova. Le pubblicazioni sulla doppia stimolazione sono molteplici e hanno dimostrato che questo tipo di protocollo è perfetto per questo tipo di paziente

L’uso del ciclo naturale nella fecondazione in vitro ha il vantaggio di evitare l’uso di ormoni.

I pazienti sono monitorati come nei protocolli convenzionali di stimolazione ovarica controllata, ma la differenza principale è che abbiamo solo 1 uovo. L’iniezione di hCG finale viene effettuata non appena il follicolo raggiunge i 16-18 millimetri e 34-36 ore dopo il prelievo ha luogo. Tuttavia, la coppia dovrebbe essere informata che esiste una maggiore possibilità che non sarà possibile effettuare il trasferimento dell’embrione a causa dell’incapacità di trovare l’uovo, dell’incapacità di fecondare l’ovulo o della scarsa qualità dell’embrione.

In casi selezionati, può essere utilizzata la stimolazione ovarica con clomifene citrato (Serpafar) o con Femara con o senza basse dosi di gonadotropine (lieve stimolazione). L’iniezione finale di hCG viene somministrata normalmente e 34-36 ore dopo viene recuperato l’uovo.

Share This Story: