(+30) 2107777755, (+30) 2107713233|info@gyn-care.gr

Ringiovanimento ovarico laparoscopico con PRP

Fino a poco tempo fa, le pazienti con menopausa precoce o bassa riserva ovarica erano destinate all’ ovodonazione.

L’iniezione di PRP nelle loro ovaie ha dato speranza e ha modificato il panorama della FIV. Ricordiamo che il classico metodo PRP utilizza il sangue del paziente, che viene centrifugato e da cui vengono isolati i fattori di crescita. Quindi, questo cocktail di fattori di crescita, attraverso l’ago utilizzato nel pick-up, viene iniettato nelle ovaie e porta per un breve periodo una adeguata rivascolarizzazione del tessuto ovarico. Questo metodo ha avuto e ha risultati relativamente buoni.

Tuttavia, non sembra avere gli stessi risultati in tutte le pazienti. È probabile che, a causa del metodo dell’infusione intravaginale sotto monitoraggio ecografico, il PRP non riesca a raggiungere lo stroma ovarico ed è anche possibile che una parte di esso finisca nell’addome. Questo accade nei casi in cui le ovaie sono atrofiche (comune nella menopausa precoce) e quindi molto piccole o quando le ovaie sono fuori posizione come nel caso di pazienti con una storia di endometriosi.

In questi casi ora proponiamo il PRP laparoscopico. È il metodo più sicuro di rigenerazione ovarica con i migliori risultati.

L’idea pionieristica dietro il metodo laparoscopico è che l’ovaio viene inizialmente preparato ed esposto con incisioni appropriate che consentono al PRP di raggiungere con precisione e mirata la circolazione ovarica.Le incisioni causano un’attivazione locale dei fattori di crescita che preparano il terreno per il recettore del PRP .

Con questo metodo il paziente viene sottoposta a laparoscopia e anestesia generale. La nostra esperienza sul campo è enorme e si tratta di day surgery, con la possibilità che la paziente possa tornare a casa la notte stessa.

Abbiamo usato questo metodo per 6 mesi con risultati particolarmente buoni, raggiungendo finora 5 gravidanze.

2019-05-13T17:28:10+00:00